fbpx

17 Dicembre 2020

CONFCOMMERCIO PORTOGRUARO – BIBIONE – CAORLE OTTIENE IL FINANZIAMENTO PREVISTO CON IL BANDO RIQUALIFICAZIONE URBANA E RIGENERAZIONE DEI DISTRETTI URBANI PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO VENEZIA ROVIGO

Comunicato stampa

Formazione per gli operatori del “Distretto del Commercio GiraLemene”, abbinata ad iniziative volte a far conoscere il contesto territoriale in cui lo stesso Distretto si sviluppa. Questo accattivante mix tra azioni formative per i commercianti ed azioni promozionali per le imprese e per il territorio che si affaccia lungo il corso del fiume Lemene ha convinto la commissione esaminatrice ad inserire l’iniziativa proposta da Confcommercio Portogruaro – Bibione – Caorle nella graduatoria dei progetti accolti in relazione al bando “Riqualificazione Urbana e Rigenerazione dei Distretti Urbani della Città Metropolitana di Venezia e della Provincia di Rovigo”, promosso dalla Camera di Commercio Venezia e Rovigo.

Confcommercio Portogruaro – Bibione – Caorle, grazie al lavoro della società di servizi Ascom Servizi Portogruaro srl ed alla collaborazione di TVO srl, ha infatti presentato a fine ottobre il progetto “Sviluppo delle competenze di vendita delle attività commerciali, in relazione alle nuove proposte turistiche nell’area del distretto territoriale del commercio GiraLemene”.

Tale progetto, che ha ottenuto un contributo economico di 20mila euro messo a disposizione dalla Camera di Commercio, prevede la realizzazione di sei corsi di formazione per gli operatori ed iloro collaboratori impiegati nelle aziende del Distretto del Commercio GiraLemene (Comuni di Portogruaro, Concordia Sagittaria e Caorle) che hanno l’obbiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie a garantire al negozio fisico un nuovo approccio con il cliente, con la rete ed i social network e le opportunità che questi offrono, nuove strategie di marketing e molto altro ancora.

Saper parlare direttamente al cliente, possibilmente sviluppando un proprio target di riferimento, è importante, perchè permette una differenziazione delle proposte, generando allo stesso tempo un tessuto imprenditoriale urbano ricco e variegato, capace di attirare nuove fasce di pubblico. Per incrementare il bacino di utenza delle imprese del commercio è necessario far conoscere gli incantevoli luoghi ove si sviluppa il distretto “GiraLemene” anche a chi non vive nel Veneto Orientale. Per questo, il progetto di Confcommercio abbina alla formazione degli operatori l’offerta di un turismo esperienziale diverso dal solito, che mette assieme il movimento all’aria aperta tramite mezzi di trasporto sostenibili, gli approfondimenti culturali ed i prodotti locali d’eccellenza. In questa offerta rientrano una serie di escursioni, in particolare un tour storico-culturale, da affrontare in bici e barca, da Portogruaro a Concordia Sagittaria, con annesse visite ai luoghi di maggior interesse e degustazione di prodotti tipici, e la crociera fluviale tra Concordia Sagittaria e Caorle.

“Negli ultimi anni abbiamo realizzato molteplici iniziative di valorizzazione del distretto GiraLemene e del tessuto economico locale, tra fiere, eventi, formazione e promozione dell’offerta manifatturiera ed enogastronomica, con il coinvolgimento in prima persona degli operatori economici locali – ha spiegato il presidente di Confcommercio Portogruaro – Bibione – Caorle, Manrico Pedrina – Con questo progetto abbiamo voluto proseguire su questa strada, incentivando  una formazione mirata a rispondere alle nuove sfide che il mondo condizionato dalla pandemia ha posto agli operatori del commercio, senza trascurare la promozione territoriale. Il turismo deve rappresentare un volano per tutto il nostro mandamento e con questa iniziativa possiamo offrire una visibilità unica al nostro entroterra ed alle attività commerciali che qui vi operano”.

“Questo risultato, oltre a valorizzare ulteriormente il distretto del commercio GiraLemene, conferma l’impegno dei suoi partner promotori a reperire risorse economiche da mettere a disposizione delle imprese del territorio – ha commentato Francesco Antonich, manager del distretto GiraLemene – Risorse che debbono essere impiegate per fornire alla aziende ogni strumento e supporto utile a reagire alla crisi causata dalla pandemia ed a ripartire una volta che l’emergenza sarà terminata”.