fbpx

18 Giugno 2020

BIBIONE – DUE COMMERCIANTI SU TRE CONTRARI ALL’ESTENSIONE DIURNA IN VIA SPERIMENTALE DELL’ISOLA PEDONALE

Comunicato stampa

Accoglienza tiepida, se non addirittura fredda, da parte dei commercianti di Bibione per la proposta dell’amministrazione comunale di San Michele al Tagliamento di estendere l’isola pedonale serale anche in orario diurnosse la loro opinione in merito all’estensione dell’interdizione al traffico veicolare anche durante l’orario diurno, così come annunciato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Pasqualino Codognotto. Circa il 66% degli intervistati, tra commercianti e pubblici esercenti, ha però espresso parere negativo.

“La posizione degli associati è chiara – ha detto il presidente di Confcommercio Bibione – San Michele al Tagliamento, Giuseppe Morsanuto – In un momento particolare come la stagione estiva 2020, condizionata dagli effetti della pandemia da coronavirus, un’azione d’impeto come quella annunciata dall’amministrazione comunale non sembra opportuna. Prima di poter pensare ad una pressochè totale pedonalizzazione dell’area commerciale del centro Bibione, l’amministrazione comunale avrebbe dovuto prevedere una rivisitazione urbanistica dell’asse centrale della nostra località, in modo da renderla più appetibile e da invogliare il turista a godersi, non solo la sera, il piacere di una passeggiata lungo queste strade”. Morsanuto ha poi spiegato che i commercianti ed i gestori di pubblici esercizi di Bibione non sono certamente contrari ad azioni “ecofriendly” come quella pensata dalla giunta comunale di San Michele al Tagliamento “ma queste iniziative non possono essere estemporanee, perchè dovrebbero invece inserirsi all’esito di un percorso che passi prima necessariamente per la riqualificazione dell’asse commerciale di Bibione. C’è tanto da fare prima di poter chiudere improvvisamente strade così importanti: c’è un sistema di illuminazione pubblica da ammodernare, c’è una piazza importante come piazza Fontana che merita un decoro migliore”.

La preoccupazione espressa dagli associati Confcommercio è anche legata al possibile minor afflusso di clientela in orario diurno proprio a causa dell’interdizione al traffico di queste strade: “Pare che la volontà della giunta comunale sia di introdurre questo esperimento per un mese – ha concluso il presidente Morsanuto – ci auguriamo che l’amministrazione comunale tenga in debita considerazione durante questa prova delle opinioni degli imprenditori e, se del caso, che ritorni sui propri passi abbandonando l’iniziativa”.